mercoledì 24 febbraio 2016

giovedì 18 febbraio 2016

Equilibrio precario? Niente paura! Ci pensa il Wellness

Nell'ultimo ventennio l'attenzione posta dai media sull'importanza di una sana e corretta alimentazione abbinata a un po' di movimento, ha fatto sì di ridestare le coscienze anche le più sopite verso l'obiettivo benessere, rendendo tutti più consapevoli che piccole buone abitudini accessibili a chiunque, possono mantenerci in salute più a lungo, ponendo particolare attenzione anche allo stato emotivo del singolo, il tutto racchiuso semplicemente in una parola: Wellness.

Così oggi quasi tutti sappiamo che 30 minuti al giorno di esercizio fisico generano benefici straordinari, aiutandoci a scongiurare una buona percentuale di innumerevoli patologie o comunque di tenerne a bada tante altre; il movimento diventa così uno strumento importante non solo di prevenzione ma anche di cura, in tal senso infatti, numerosi movimenti pro-salute si stanno battendo affinché l'esercizio fisico venga addirittura prescritto dai medici come ulteriore sostegno alle cure farmacologiche, da commisurare ovviamente a seconda della patologia.
 
Il movimento deve poi essere naturalmente coadiuvato da un'alimentazione corretta, ricca in fibre, vitamine, sali minerali, imparando a dire no ai cibi preconfezionati o da fast food, prediligendo piuttosto gli alimenti freschi o la cucina tradizionale, avendo cura di scegliere anche le materie prime e quindi la loro provenienza. Così nel nostro linguaggio sono entrati termini come prodotti a chilometro "zero", agricoltura biologica, carni e derivati di origine biodinamica. Proprio quest'ultima, la biodinamica appunto, sposa il principio dell'equilibrio tra tutti gli attori coinvolti nel ciclo produttivo, a partire dalla madre terra lavorata con passione e dedizione dall'uomo (senza l'uso di concimi o pesticidi chimici), i cui frutti sono poi fonte di sostentamento e per lui e i suoi animali che a loro volta contribuiscono scambievolmente al nutrimento dell'uomo e della terra.



In fine fattori come superlavoro, sovraffaticamento, tensioni e stress, minano il nostro stato emotivo rendendo più vulnerabile sia il corpo che la mente, ecco così che a contrastare tutto ciò arrivano in supporto pratiche come la meditazione, il rilassamento guidato, il training mentale o più semplicemente un massaggio olistico, una passeggiata all'aria aperta, una breve vacanza.


Allora, sia per chi del Wellness ne ha già fatto la propria filosofia di vita sia per chi ha voglia d'iniziare, quale pretesto migliore per scegliere uno dei rigeneranti percorsi benessere offerti da una delle nostre SPA, o concedersi magari qualche giorno di relax allontanandosi dalla solita routine, basta un click su iOmaggi.it 


                                                                                                Viviana Prester
                                                                                                iOmaggi.it Blogger


venerdì 12 febbraio 2016

Amore guarda non con gli occhi ma con l'anima

Come non spendere due parole sul tema caldo della settimana, San Valentino la festa degli innamorati, e scegliere una frase di Shakespeare che sull'amore ha scritto di quei due giovani innamorati, la cui storia d'amore è stata univocamente riconosciuta nel mondo intero.
Saremo tutti d'accordo con l'affermare che una definizione inequivocabile del concetto di Amore non esiste, vuoi per tutte le sue forme, vuoi per gli individui che ne sono coinvolti, esseri unici e irripetibili, vuoi perché ciascuno essendone stato "vittima" con la sua storia, se n'è disegnato un  proprio identikit. Eppure dell'argomento si è scritto e si continua a scrivere. Grandi studiosi del comportamento umano ritengono di aver individuato dell'amore i tre momenti focali, infatuazione, attrazione e attaccamento, ciascuno di questi viene poi opportunamente esplicato e approfondito; si continua poi con i vari trattati, dai titoli indubbi, che danno l'idea di un vero proprio manuale d'uso tipo L'arte di amare di Erich Fromm.
Ma se da un lato c'è chi cerca d'incasellare o canonizzare questo sentimento esprimendolo con teoremi supportati dalle dimostrazioni del caso, dall'altro c'è chi dall'amore si è lasciato semplicemente rapire, coinvolgere, sconvolgere, rinvigorire o distruggere, dando vita a canzoni che hanno fatto la storia della musica, o poesie che scaldano il cuore, e poi tutta la letteratura, la cinematografia, la pittura, o ancora la scultura, che dalla durezza della materia da vita a voluttà e morbidezze di corpi che si aggrovigliano l'uno nell'altro, come nel  Ratto di Proserpina ben nota opera del Bernini. Nessuna delle arti n'è rimasta immune. Ma dietro ogni forma d'arte c'è un individuo, uomo o donna, come me, come te, che in qualche modo da uno dei molteplici aspetti dell'amore è stato contaminato. 
E allora sia esso amore esclusivamente fisico, frutto di un momento di sintonia tra due persone, attrazione mentale o attrazione fatale, condivisione di passioni o più ancora di vita, in ciascuno di questi casi è più ancora, celebriamo l'amore e scegliamo di fermare il tempo nello spazio di una cena, di un fine settimana o di un percorso benessere da condividere con chi rappresenta "l'altra parte" di noi, anche in questo caso iOmaggi è qui per offrirvi la possibilità di scegliere tra proposte raffinate e sorprendenti.
                                                                                       
  

                                                                                                            Viviana Prester
                                                                                                                iOmaggi Blogger

Google+ Followers